martedì 24 aprile 2012

Politici alla sbarra.

Stanno accadendo, tutte insieme, tante cose.
Diventa sempre più difficile mantenere l'attenzione concentrata sui fatti veramente importanti. I frequentatori del nostro blog si saranno accorti che, proprio in questi giorni, i post si sono rarefatti anzichè infittirsi: non è un caso, vorrei proprio evitare l'eccesso di informazione che distoglie dai temi cruciali.
E per ricordarci che all'estero non si perdono in sottili disquisizioni su quanto il Front National assomigli o non assomigli alla Lega Nord (che pena, ieri sera, Gad Lerner... quello sarebbe un giornalista...??) ma badano più al sodo, mi pare utile questo, non recentissimo, articolo di Alessio Mannini dal sito ilribelle.com:

 In Islanda c’è il primo caso di ex primo ministro alla sbarra con l’accusa di colpevole default: Geir Haarde (nella foto) è stato incriminato per negligenza – un evidente eufemismo per dire connivenza - nel mandato 2006-2009. Che è come dire ieri. Nessuna scusa, nessun rinvio a future storicizzazioni che fan passare tutto in cavalleria: uno degli artefici della catastrofe finanziaria della piccola isola dell’Atlantico verrà giudicato da un regolare tribunale. Del resto la legge, se non serve il popolo, che razza di legge è?
Non che sia l’unico, intendiamoci. Ma in ogni caso non stiamo parlando di un capro espiatorio, perché gli islandesi hanno saputo sollevarsi dal pantano di cui, come tutti i beoti votanti democratici occidentali, erano stati essi stessi corresponsabili.
Proprio dal 2009 è cominciata quella silenziosa, silenziata, pacifica ma determinata e agguerrita “rivoluzione” che, tramite referendum, cambi di governo e un’assemblea di rifondazione costituzionale, ha ridato ai 300 mila isolani la sovranità economica e la libertà politica, ripudiando il debito con le banche estere, nazionalizzando quelle di casa propria e uscendo dal meccanismo usuraio del Fmi.
La gente d’Islanda, insomma, si è riscattata. E ora, giustamente, chiede giustizia a chi l’ha governata vendendo il paese alla finanza. La tesi accusatoria è che l’ex premier non ha esercitato nessun controllo sui banksters che saccheggiavano la ricchezza nazionale, nascondendo la verità  all’opinione pubblica. La pena è tutto sommato molto inferiore a quella che, personalmente, mi sentirei di dover infliggere a un politico corrotto di tal fatta: appena due anni di gattabuia. Ma importante, nel contesto internazionale di perdonismo minimizzante e assolutorio verso chi questa crisi l’ha provocata e ci ha mangiato, è la valenza simbolica del processo. Fra parentesi, ridicola la difesa di Haarde: «Nessuno di noi a quel tempo capiva che c´era qualcosa di sospetto nel sistema bancario, come è diventato chiaro adesso», ha detto al giudice. Meglio passare da cretini che da criminali, vero? Questi politicanti con la faccia come il culo…
È interessante notare che nell’orbe terracqueo esiste un altro Stato con un governo deciso a fargliela vedere ai predecessori complici dell’usurocrazia bancaria. È la tanto vituperata Ungheria, in cui l’anno scorso il premier locale, Viktor Orbán, ha presentato un disegno di legge per trascinare sul banco degli imputati i tre leader socialisti, Peter Medgyessy, Ferenc Gyurcsany e Gordon Bajnai, che dal 2002 al 2010 hanno portato il debito pubblico dal 53 all’80% del Pil, mentendo sapendo di mentire sulla situazione dei conti. Nell’Europa beneducata e manovrata a bacchetta dalla troika Ue-Bce-Fmi, Orbán viene dipinto come un pericoloso despota fascista (è invece un nazional-conservatore: discutibile finché si vuole, ma trattasi di destra nazionalista vecchio stampo, e perciò non allineata al pensiero unico global ed eurocratico come invece sono le destre liberal-liberiste stile Sarkozy, Berlusconi e compagnia). 
Budapest, in realtà, sia pur “da destra”, sta seguendo lo stesso schema di liberazione che Rejkyavik sta conducendo “da sinistra”: riconquistare l’autodeterminazione e chiedere il conto ai responsabili della rovina. Il solito Corriere della Sera, quando nello scorso agosto uscì la notizia della proposta di legge, commentò con Giorgio Pressburger che il diritto non può essere retroattivo, e condì il tutto con un prevedibile, stantìo spauracchio del ritorno all’eterno fascismo. Oh bella: adesso non si può introdurre un nuovo reato se questo inguaia i servetti del sistema bancario mondiale? Cos’è, lesa maestà finanziaria? E gli islandesi cosa sono, tutti fascisti anche loro? Come sempre penosi, gli avvocati difensori dell’associazione a delinquere altrimenti nota come speculazione. 

3 commenti:

  1. Lupo di Dubbio24 aprile 2012 20:29

    Gentile avvocato, mi viene un triste pensiero. Che in Italia non possa accadere come in Islanda perchè chi ha la coda di paglia non vorrà mai davvero accendere il cambiamento. Proviamo a censire le nostre code di paglia: evasori fiscali, furbacchioni, un certo numero di statali e parastatali imboscati, mafiosetti, amici degli amici politicanti o amministratori corrotti... temo che arriviamo a computare una maggioranza schiacciante della popolazione adulta, ben superiore al 50%. Tutta gente che, non vuole rischiare di perdere o di far scoprire le proprie schifezze facendo saltare il coperchio della pentola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo commento di Lupo di Dubbio c'è del vero...

      Elimina
  2. In Italia non può accadere come in Islanda soprattutto perchè mettere d'accordo 60 milioni di persone non è come metterne d'accordo 300 mila!
    poi noi italiani che siamo molto creativi per cui ognuno dice la sua e a cedere qualcosa per il bene comune....facciam molta più fatica.

    RispondiElimina